Siamo Uno oltre i limiti dello spazio/tempo

 


Dal mio libro...."La nuova Umanità"




Nel Corpo Emotivo e nel Corpo Spirituale tutto esiste oltre lo Spazio-Tempo. Tutte le tragedie vissute dall’uomo nel lungo cammino necessario alla sua Evoluzione sono il risultato di ciò che abbiamo dovuto sperimentare nella nuda materia, per comprendere che solo riconoscendoci nell’Uno che siamo nel nostro Corpo Spirituale, possiamo ritrovare e vivere la nostra vera e profonda Guarigione.

Il percorso dell’Anima corrisponde all’Evoluzione di tutto ciò che ci rappresenta nel Corpo Emotivo, nel quale  siamo collegati con tutto ciò che è stato  nel nostro albero genealogico e in ogni albero genealogico nella storia di tutta l’Umanità, e con tutto ciò che ancora oggi si continua a restimolare nei traumi che conserviamo nella nostra memoria vibrazionale.

E’in questa  Consapevolezza che possiamo accogliere la possibilità di  trasformare le nostre riflessioni e i nostri migliori pensieri che agiscono solo nel piano mentale, in un vero lavoro vibrazionale rivolto innanzitutto a noi stessi, ma anche a tutti coloro che “sentiranno” il cambiamento vibrazionale in noi e nell’Espansione del Campo oltre noi.

Oggi nel libero arbitrio possiamo essere testimoni del Dio Vivente in noi e accettare che la nostra Evoluzione non può essere evoluzione individuale perché tutto ci appartiene e tutto è in relazione costante nell’unico Corpo Emotivo  che siamo.

Tutto ciò che ogni singolo individuo vive e nutre emotivamente  interagisce con ogni altra creatura vivente e con il Campo vibrazionale di tutta la Terra. Siamo tanti individui separati solo nella materia, ma attraverso il sistema del Corpi sottili, Campi vibrazionali, che avvolgono il nostro corpo fisico, siamo tutti collegati oltre lo Spazio-Tempo, parametri che appartengono solo alla nostra dimensione fisica.
Anche tutti i nostri sintomi fisici sono manifestazione di emozioni che vanno trasformate e non c’è differenza se queste emozioni arrivano in risposta a situazioni particolari della nostra vita, se sono state vissute da un nostro antenato o se  sono sentite oggi da persone che non conosciamo e che vivono magari in un altro paese… 

 

Oggi possiamo imparare a ricollegarci con la Fonte della Fiducia Universale per diventare noi stessi sorgenti  d’Amore, nel Divino in noi. Oggi possiamo accogliere ogni emozione riconoscendola in noi, nel nostro unico corpo emotivo e superare la separazione della materia nell’UNO che siamo nel Corpo Spirituale. Abbiamo  bisogno di vivere tante volte la nostra Esperienza  nella materia e avremo forse ancora bisogno di vivere  molte vite per riuscire a riconoscerci nell’Uno, Padre, Madre, Figlio, Divino in noi.  Solo allora potremo  vivere le infinite possibilità dell'AMORE, che per agire ha bisogno di noi, di tutto ciò che siamo ora e che siamo stati nelle generazioni che ci hanno preceduto.         

Sono solo i tempi diversi e necessari al cammino nell’evoluzione individuale che spesso non  permettono all’uomo di vivere anche nella materia la Consapevolezza e la Gioia nell’Espansione dell’Amore.

 

Il cammino dell’Umanità è iniziato nel momento in cui l’uomo ha perso la sua Interezza nell’Unità di Spirito e Materia per sperimentare il libero arbitrio nella  conoscenza del bene e del male, cominciando ad agire identificandosi  solo nella  materia in cui tutto appare separato e distinto.

Nella tradizione cristiana impariamo che Gesù è il primo uomo che vive la perfetta Connessione Spirito-Materia ed è per questo che può insegnarci la Via … “Io sono la Via, la Verità e la Luce”-                                            Gesù è il  Figlio  che aprendosi allo Spirito  diviene il Cristo nel Padre…. “Chi vede me vede il Padre..”                                                                           Gesù Cristo è Padre, Figlio e Spirito nell’Unità di Spirito e materia
Il Verbo si fece carne e abitò fra noi"                                                                  

Come Gesù anche noi possiamo imparare a seguire la Via vivendo la Connessione Spirito-Materia  per  sintonizzarci nelle frequenze del Corpo Spirituale.                                                                                                     Come Figli possiamo riconoscerci nel Padre e diventare co-creatori  vivendo nello Spirito il  suo-nostro Respiro Divino nell’Uno che siamo. 

“Io sono la Via, la Verità, la Luce… Chi è in me è nel Padre… Chiedete nel Nome del Padre e vi sarà dato….E voi farete opere più grandi delle mie…”,

sono le parole di Gesù che ci aiutano a comprendere come vivere il Divino in noi, come vivere il nostro potere di Guarigione, seguendo il suo esempio di uomo perfettamente sintonizzato nelle frequenze della Luce, in cui non esiste distinzione fra il Figlio e il Padre. 

 

Abbiamo avuto bisogno di scegliere consapevolmente la separazione per vivere la nostalgia dell’Uno,  abbiamo ancora oggi bisogno di agire nel libero arbitrio per vivere tutte e tutte quelle Esperienze necessarie a sentire  il profondo desiderio di “ritornare a casa”,  ritrovando la Connessione Spirito-Materia  e continuando il cammino dell’Anima  sino a poterci riconoscere nell’Uno, Dio, Padre, Madre, Divino in noi.                                                   

In questa Consapevolezza possiamo oggi accogliere il nuovo nella nostra vita e vivere la nostra Fede in modo totale  nel Pensiero dell’Uno.

Qualunque sia la condizione che stiamo ancora oggi vivendo, rimanendo saldi nella Certezza dell’Amore, è in ogni caso possibile vivere già nella nostra vita il Progetto nell’Unità .

Oggi abbiamo la possibilità di imparare a “sintonizzarci” nel nuovo, riconoscendo, accogliendo e trasmutando quelle emozioni che limitano fortemente il sentire in Fiducia che ciò che chiediamo nella nostre preghiere possa manifestarsi nella nostra vita.

Possiamo oggi vivere nella  CONSAPEVOLEZZA  che oltre i limiti della materia siamo Anime che anelano a ritrovare la loro Armonia nell’Unità 

........

  

Mi dispiace per tutto ciò che è limite alla trasmutazione

Mi dispiace per tutto ciò che si sua manifestando nella tematica incidenti e conflitti

 Mi dispiace per tutto ciò che è limite alla comunicazione serena dei propri bisogni, nella capacita di superare conflitti e opposizioni

 Mi dispiace per tutte le volte in cui rimaniamo nel giudizio e annientiamo la possibilità che ci sia un'apertura nel nuovo




 Mi dispiace per tutto ciò che nelle regole, nell'educazione dei genitori, degli insegnanti e dei sacerdoti limita la spontaneità e la gioia del nostro piccolo bambino interiore

 Chiedo PerDONO affinchè possiamo accogliere il progetto della nostra Anima nella nostra vita

 Chiedo PerDONO affinchè possiamo comprendere come muoverci anche nella materia per vivere il progetto della nostra Anima

 Chiedo PerDONO affinché possiamo superare tutto ciò che si restimola nel "non essere"

 Chiedo PerDONO affinché ognuno possa trovare il suo giusto posto nella piccola e nella grande famiglia Umanità

Podophyllum Peltatum, Thuya, Vipera Redi, Pulsatilla, Staphysagria, Antimonium Tartaricum, Sabina, Coffea, Carboneum Sulphuratum, Variolinum, Medorrhinum, Red Beack Orchid, Carbo Vegetabilis, Natrum Sulphuricum

Salmo 144-143

salmo 141-140

Pulsatilla 10.000k

archetipo 22 Tau Reagire

Sulphur

Archetipo 20 Res Perfezionare

Salmo 28-27

Archetipo 17 Fes Espandersi

Salmo 117-116

Archetipo 22, Tau, Reagire

Mantra individuale...




integrazionetranspersonale.blogspot.com

 


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Contatti

Vivere il DONO

Il lavoro vibrazionale per la Terra

Siamo tutti collegati

Sintonizzarci nel nuovo

Nella Luce tutto è solo Amore.

Le nostre scelte sono fondamentali per il futuro che oggi stiamo creando..

La nuova Umanità

La risonanza

Ritroviamoci nella nostra vera Essenza