Lo scopo dell’Anima

 

Finchè siamo bambini conserviamo nella nostra  Innocenza, nel nostro pensiero magico, la speranza di poter trovare quell’Amore essenziale per  curare la nostra ferita, la ferita dei nostri genitori e di tutte le persone che incontriamo che così difficilmente hanno il tempo di guardarci negli occhi per condividere l’esperienza di un sorriso, davvero capace di nutrire il nostro cuore. 

E’ davvero tanto difficile poter incontrare qualcuno  che sa anche  solo  condividere ciò che emotivamente stiamo vivendo, ascoltandoci, dandoci   la possibilità di non sentirci più soli e permettendoci di divenire consapevoli del nostro sentire  perché  semplicemente ci accoglie, oltre ogni pensiero e giudizio.
Eppure è davvero importante riconoscere le emozioni che viviamo, essere consapevoli di quel sentire che solo noi possiamo accogliere e trasmutare. Quando  infatti non abbiamo la possibilità di esprimere ciò che sentiamo e reprimiamo le emozioni vissute in risposta agli eventi della vita, alimentiamo lo squilibrio nel corpo emotivo individuale e collettivo.

Mentre cresciamo ci accorgiamo che nella vita si è considerati per ciò che riusciamo a fare in risposta alle aspettative dei genitori, degli insegnanti, della società e  così cominciamo a nascondere i nostri sentimenti più profondi, per proteggerci, per non essere esclusi  e per non rimanere in balia della nostra paura e della nostra angoscia..
Viviamo per tutta la nostra esistenza  un profondissimo senso di nostalgia nella ricerca di ciò che potrebbe permetterci di sentirci completi e appagati,   non smettendo  mai di interrogarci sul senso della  vita, anche se poi ci sentiamo quasi sempre impreparati a vivere la morte …

La storia dell’uomo è il percorso evolutivo dell’Anima che proprio attraverso l’Esperienza nella materia,  vita dopo vita, crea la possibilità di un cambiamento che avviene quando  si riesce a trasmutare quel dolore che ritorna solo affinché si possa vivere il suo superamento,  ritrovando la  capacità di vibrare nelle frequenze dello Spirito.
Nella perdita della sua Identità Divina, l’Anima  ha iniziato la sua Esperienza nel dolore, ancora oggi origine di tutti i sintomi e problemi che l’uomo conosce sulla Terra.
Per poter diventare come Dio, l’uomo ha perso la sua Purezza,la condizione nella quale non esisteva separazione fra lui e Dio.
Nella  creazione del due,l'uomo ha iniziato il suo cammino nella nuda materia.

Le atrocità che l’Umanità ha conosciuto sono impresse nel nostro DNA psichico, emotivo,vibrazionale, che diventa nostro sin dal momento in cui veniamo concepiti.
Sin dalla nascita e ancor prima, nella fase della nostra gestazione, siamo creature troppo fragili, siamo Anime che hanno perso l’antica armonia,  traumatizzate nell’impatto così duro con la vita.                                         

Possiamo certo illuderci di essere felici perché in un certo momento della nostra vita siamo  toccati dalla fortuna,  ci innamoriamo, conosciamo il sapore della ricchezza,  ma in realtà, nella parte più intima di noi, sappiamo che  nulla, nessun bene materiale, nessun’altra persona, sono stati in grado di permetterci di raggiungere una felicità permanente.

Il disagio emotivo, un nuovo problema, la malattia, una separazione, un lutto, la morte, ci riportano  a vivere quegli stati emotivi  che l’uomo nella sua Esperienza sulla Terra non è ancora riuscito a cancellare. 

Non potremo mai vivere in Salute, Gioia e Armonia se non riconosceremo che tutto ciò che stiamo vivendo nasce dal bisogno della nostra Anima di vivere la sua Espansione nel Corpo Spirituale, nella necessità di un'evoluzione   collettiva.   
           


                     
Non potremo mai stare davvero bene fino a quando questo bene non sarà un Bene condiviso. 


Tutto ciò che abbiamo  ereditato nella memoria ancestrale rappresenta la necessità di ripulire il corpo emotivo che è rimasto contratto e ferito nelle esperienze dolorose vissute dai nostri antenati o in vite precedenti e risentita nello stato di risonanza in questa vita.                                            

Dobbiamo sentire, vivere,  trasmutare in noi il bisogno dell’intera Umanità e sintonizzarci nelle frequenze del Corpo Spirituale per ritrovare quell’Armonia che esprime la meta più importante nel progetto dell’ Anima nella nostra vita e nella storia dell’uomo.                                                    

La nostra Espansione avviene quando accogliamo tutto ciò che è  nelle frequenze basse, per vibrare all’unisono nelle frequenze più elevate, perché la nostra Evoluzione  ha come obiettivo il superamento di ogni limite spazio-temporale. La storia dell’uomo è l’Esperienza che ha reso possibile la nuova Consapevolezza del Dio vivente in noi.
Tutto l’Amore di cui abbiamo bisogno per risolvere ogni problema sulla 
Terra da sempre è in noi  nel nostro DNA spirituale.                                   

 Nel Pensiero che viviamo nella Connessione Spirito-Materia, noi possiamo riportare nell’Uno ciò che la nuda materia ci propone nel due.   In ogni momento, Padre e Madre sono Uno in noi, in ogni momento noi possiamo vivere la nostra Interezza che accoglie la nostra Dimensione fisica e la nostra Dimensione Spirituale. 
Nell’AMORE possiamo lasciare ogni forma di giudizio e accettare la responsabilità di accogliere nella nostra vita il progetto della nostra Anima per noi.                                                                                                     

Quando  riconosciamo che le emozioni nate in risposta agli  eventi della nostra vita sono  proprio ciò che dobbiamo  riarmonizzare in noi, quando  comprendiamo che stiamo vivendo queste situazioni proprio perché le abbiamo attratte nel bisogno evolutivo della nostra Anima, possiamo finalmente comprendere lo scopo dell’Esperienza della nostra vita.

Noi tutti possiamo  scoprire di essere Anime Trasmutatrici se oggi abbiamo la Consapevolezza che il dolore vissuto nella nostra vita è ciò che ci ha permesso di evolvere e di acquisire quella sensibilità che sperimentiamo nella più profonda Con-divisone e Com-passione nei confronti di ogni altro noi sulla Terra, e rispetto ai gravi  problemi che ancora affliggono l’intera Umanità.                                                                                                          

In questa Consapevolezza e in questo sentire comprendiamo che tutto ciò che viviamo nella difficoltà relazionale con ogni altro noi, nasce dalla necessità di fare e vivere quelle esperienze che possono permetterci di superare la separazione che solo la realtà materiale ha generato, per riconoscerci Uno nello Spirito.

Solo vibrando nella Dimensione Spirituale possiamo percepire anche nella materia, nel corpo fisico, quell’ AMORE immenso che ci nutre e che ci permette di amare noi stessi e ogni altro noi nel rispetto  della nostra individualità e nella comprensione compassionevole dei nostri limiti.         Solo vibrando nelle frequenze più elevate possiamo vivere nella capacità di accogliere noi e ogni altro noi, in ogni nuovo passo  nella vita, in ogni direzione possibile, comprendendo che tutto ciò che stiamo vivendo è necessario per entrare nella piena consapevolezza di ciò che siamo.          

 E’ così che comprendiamo di essere co-creatori della realtà che stiamo vivendo, è così che possiamo arrivare  a sentire che in ogni essere c’è la medesima Matrice Divina.                                                                                      

La possibilità evolutiva dell’uomo da un punto di vista spirituale, è la possibilità evolutiva dell’Umanità.                                                            Nella materia siamo tanti e siamo divisi, ma nei nostri Corpi Sottili, nel campo vibrazionale che tutto avvolge, siamo tutti collegati. 
Nel Corpo Emotivo vibriamo nelle medesime frequenze nelle quali vibravano i nostri antenati e nelle frequenze nelle quali vibrano tutti gli esseri viventi.                                                                                           
Nel Corpo Spirituale,   nelle frequenze più elevate,  siamo Uno in Dio e in Dio siamo co-creatori nel Divino.
Comprendiamo la Via quando comprendiamo il Pensiero, seguendo l’esempio di Gesù,  il primo uomo perfettamente sintonizzato in ogni momento della sua vita nelle frequenze della Luce.
Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza”, 
                          così si legge nel primo libro della Bibbia                                         Chi vede me vede il Padre e chi è in me è nel Padre”,  
Io sono la via, io sono la Verità e la Luce 
così dice Gesù nel Vangelo di Giovanni…

Il Pensiero è ciò che ci unisce nelle frequenze più elevate, è ciò che ci permette di riconoscerci UNO nel Corpo Spirituale.                                    Gesù è Figlio e Padre nello stesso tempo, Materia e Spirito.                        Per vivere il Pensiero dobbiamo accogliere la materia rimanendo nello Spirito.
Oggi possiamo capire chi siamo e qual è il progetto che nel tema dell’Anima, possiamo vivere nella nostra vita.                                               
Oggi possiamo ritornare a vivere la nostra Dimensione Divina nella quale non esiste separazione e nella quale vibriamo nell’ Espansione di tutto ciò che Siamo nell’Uno che E’.                                                                        

Solo nella realtà della materia  tutto viene ancora percepito come separato e distinto, ma nella nostra nuova Consapevolezza possiamo vivere un importantissimo cambiamento nel nostro modo di essere, possiamo fare un salto nella nostra crescita,   possiamo vedere in modo sempre più chiaro lo scopo della nostra vita e la nostra relazione con tutto ciò che è stato prima di noi ed è oggi rispetto a ciò che siamo in ogni altro noi.





Commenti

Post popolari in questo blog

Contatti

il Campo Vibrazionale della Terra.

Condividere il BENE

Siamo un'unica Famiglia

Le essenze utili

Luce per la Terra

Sosteniamo l'Umanità affinchè tutti possano sintonizzarsi nelle frequenze più elevate.

Il proposito....verso l'Unità

Nella Luce tutto è solo Amore.

La nostra possibilità evolutiva