La Medicina della Luce

Nella cultura orientale il concetto di Aura è molto antico.
Le nuove scoperte nell’ambito della fisica quantistica hanno permesso anche al mondo occidentale di dimostrare l’esistenza  del campo energetico intorno al corpo fisico.
Questo campo in realtà  è caratterizzato da diversi “corpi sottili” sintonizzati su differenti frequenze vibrazionali.
Nello stato di salute prevalgono le alte frequenze, mentre la malattia è la manifestazione nel corpo fisico di ciò che è in disarmonia e con basse frequenze nel campo energetico.
Tutti i traumi o gli stati emotivi dolorosi vissuti per diverso tempo, o ripetuti, creano un vero e proprio sconvolgimento che altera lo stato di salute prima nel campo energetico e successivamente nel corpo fisico.
 Come molte malattie sono trasmissibili attraverso il DNA, così lo squilibrio nel corpo emotivo dei nostri antenati predispone il nostro campo energetico a sintonizzarsi su particolari frequenze vibrazionali. Ereditiamo quindi non solo tutti i tratti fisici, ma anche una vera e propria  memoria ancestrale, responsabile di tutto ciò che attraiamo e viviamo  nella nostra vita.
Nei momenti in cui siamo più stressati e vulnerabili, entriamo in risonanza con lo stato emotivo di chi ci ha preceduto, possiamo persino vivere eventi già manifestatisi nelle generazioni precedenti, oppure  si evidenziano sintomi a livello fisico.
Ogni malattia è espressione di un trauma nel nostro campo energetico e nella nostra memoria ancestrale.

 Possiamo guarire ciò che ereditiamo nello squilibrio del nostro campo energetico attraverso la Terapia vibrazionale, attivata con la Medicina della luce, un metodo semplice che tutti possono utilizzare, che ci permette di “correggere” le basse frequenze, riportandole ad uno stato ottimale.
Quando il nostro campo energetico si riarmonizza sulle alte frequenze possiamo vivere nella nostra vita     Amore, Gioia, Armonia, Salute, Prosperità e Abbondanza

*
Da un punto di vista energetico il corpo emotivo corrisponde all’Anima
L’Anima è il ponte fra il corpo e lo Spirito.
Nel corpo siamo singoli individui, nello Spirito siamo il Tutto, la Luce, il Divino.
Scopo dell’Anima è
- guarire i modelli ancestrali, piuttosto che individuali, ereditati nel corso dei secoli, che impediscono il nostro fluire armonioso nella vita,
-  armonizzare tutto ciò che ancora oggi crea dolore, malattia, incomprensioni,  incidenti, crisi matrimoniali, disagi comportamentali, emozionali e spirituali
mediante l’ascolto di quei bisogni che non sono solo del singolo, ma che sono anche espressione di tutto ciò che appartiene ai nostri antenati e che ancora non si è armonizzato nella Luce.

Il percorso dell’Anima corrisponde all’evoluzione emozionale e spirituale nel nostro albero genealogico.
Solo quando vi è armonia nel corpo fisico ed  emozionale,  l’Anima può entrare in relazione con lo Spirito e fondersi nella Luce.
L’Infinita Saggezza che ha creato la vita ci ha dato la possibilità di “rinnovarci” attraverso il nostro albero genealogico, ricreando generazione dopo generazione, infinite possibilità di guarigione, di trasmutazione e di rinascita nella Luce.
Se chi ci ha preceduto non è morto in armonia, può comunque trovare la sua pace ed entrare nella Luce, grazie al “sacrificio” d’amore di chi accoglie il suo carico emozionale, lo porta nella sua vita per ricreare quella possibilità di trasmutazione che renderà possibile  la guarigione nell’albero genealogico.

Tutti possiamo essere in sintonia con il progetto della nostra Anima
Tutti possiamo  riconoscere e guarire il carico emozionale che ancora oggi appesantisce la nostra vita.
Tutti possiamo portare Luce nel nostro albero genealogico

    Luce, Amore, Pace, Gioia e  Armonia per il destino della terra e di  tutto l’Universo

Tutti i rimedi omeopatici e le essenze floreali sono archetipi vibrazionali, cioè campi di energia ad alta frequenza  che  mantengono inalterato nel tempo il proprio messaggio. Possiamo paragonare il loro movimento a quello di un diapason:  la nota LA ha una frequenza di 440 vibrazioni al secondo. Questa caratteristica permette ai musicisti di “accordare” i loro   strumenti avendo un parametro di riferimento universale nel tempo e nello spazio.
Quando ci ammaliamo siamo come strumenti scordati: abbiamo bisogno di ritrovare l’armonia persa.
La malattia si manifesta prima nei corpi sottili e successivamente nel corpo fisico.
I corpi sottili sono in realtà campi vibrazionali che, nello stato di disarmonia, hanno perso il proprio movimento armonioso, sintonizzandosi per lo più sulle  basse frequenze.
Entrando in risonanza con il  rimedio omeopatico adatto, i nostri corpi sottili possono ritrovare il giusto movimento armonico che porterà il messaggio di guarigione nel corpo fisico.
In questo modo la guarigione non è soppressione di un sintomo, come purtroppo avviene quando assumiamo farmaci, ma un ritrovare l’originaria memoria di ciò che siamo stati nella condizione di salute.
In realtà ogni malattia, così come ogni evento intenso che possiamo vivere a livello emozionale, è già “visibile” nel nostro campo energetico.
Quando nasciamo ereditiamo una vera e propria mappa ancestrale, cioè siamo predisposti ad entrare in risonanza con quelle frequenze vibrazionali che abbiamo ereditato dai nostri antenati. Ogni sintomo è legato ad uno specifico trauma vissuto da chi ci ha preceduto.
Per es. tutti i problemi mestruali o i vari disturbi che si manifestano a livello genitale sono legati alla memoria energetica di un abuso subito, così come la facilità ad avere incidenti nella vita è in relazione al trauma di qualcuno che nella nostra linea ancestrale è morto appunto in un incidente.
Siamo sempre in ogni momento in relazione con ciò che è stato e che potrà essere.  
Attraverso un’adeguata lettura di ciò che ci appartiene nella disarmonia e di ciò  che ha caratterizzato la vita dei nostri genitori, o dei nostri nonni, sia come sintomi fisici, ma anche come esperienze di vita, possiamo comprendere quali campi vibrazionali vanno riarmonizzati. Possiamo dire che in ogni momento abbiamo la possibilità di risanare la nostra memoria ancestrale.
Tutto questo è possibile attraverso la medicina della luce
Poiché ogni sintomo è riconducibile ad uno specifico trauma ancestrale, possiamo riarmonizzare i campi vibrazionali alterati portandoli in risonanza omeopatica con i giusti rimedi. Ogni rimedio è infatti in grado di curare il suo simillimum.  
Quando la malattia è già manifesta a livello fisico abbiamo certamente bisogno di rivolgerci al medico omeopata, ma possiamo “curare” la predisposizione a manifestare ogni tipo di sintomo attraverso la medicina della luce, che non necessita l’assunzione fisica del  rimedio, ma solo l’entrare in risonanza con lo stesso. Ciò può avvenire mediante l’energia del nostro pensiero, attivata secondo il principio vibrazionale .
Tutti sappiamo ormai che il pensiero è energia. Con un adeguato esercizio alcune persone riescono persino  a spostare oggetti o a piegare metalli, ma non è necessario possedere talenti particolari o imparare esercizi!...
Tutti possono accedere al metodo della terapia vibrazionale  secondo la medicina della Luce.


Affinchè il nostro pensiero diventi energia e movimento vibrazionale è necessario che sia espressa una chiara intenzione e che il nome del rimedio omeopatico scelto sia ripetuto tre volte alla giusta diluizione. Nel caso delle essenze floreali, è meglio ripetere tre volte l’intera sequenza.  
Riarmonizzare i campi vibrazionali ereditati nello squilibrio, necessita un criterio preciso e assolutamente individuale, che viene stabilito nello spazio privato della terapia.
Ci sono invece delle Sequenze di rimedi che possono essere utilizzate da tutti senza problemi.
Alcune fra queste sono anzi fondamentali al fine di mantenere “pulito” il nostro campo energetico e  di ricaricarlo per affrontare al meglio ogni singola giornata. Sono le Sequenze di mantenimento e costituiscono la nostra pratica quotidiana. Vanno ripetute ciascuna almeno tre volte. Dedichiamo tanto tempo e denaro alla cura del nostro corpo fisico, perché non sentire questa necessità rispetto ai corpi sottili?
Altre Sequenze, dette Utili, sono invece preziose rispetto ad alcune problematiche comuni a molti…Scegliendo quella specifica rispetto al nostro bisogno, possiamo ripeterla sempre tre volte in successione, ma in più momenti durante la giornata, per il periodo necessario al raggiungimento del nostro obietti vo.
E’ fondamentale sapere che tali essenze non vanno assunte a livello fisico, in quanto la loro azione sarebbe inadeguata per la complessità dei messaggi che rappresentano a livello vibrazionale

Commenti

Post popolari in questo blog

Contatti

La nuova Umanità