Guarire il nostro bambino interiore


In ogni momento, ascoltando il nostro corpo e attraverso un lavoro mirato, possiamo ritrovare  il nostro vissuto e rilasciare emozioni trattenute, per sentire il messaggio e il bisogno che andava compreso in ciascuna esperienza.

Ascoltare questo bisogno significa acquisire quella saggezza profonda che può permetterci di portare un cambiamento nel nostro modo di essere, di fare un salto nella nostra crescita e vedere, in modo sempre più chiaro, lo scopo della nostra vita. Arriva sempre un momento nella vita di ciascuno in cui il sentire, l'unicità e la creatività del bambino si scontrano con le richieste dell'ambiente esterno ed è proprio questo impatto che fa si che il bambino non si senta compreso, capito per quello che realmente è e per quello che sono i suoi bisogni. Questo lo porta ad interiorizzare un sistema di credenza che possiamo sintetizzare in una serie di messaggi base

Questi sono i più comuni...

- non sei importante;
- non essere te stesso;
- non essere adulto (spesso al più piccolo);                                     
- non essere bambino (spesso al più grande);
- non farcela;
- non appartenerci;
- non venirmi vicino;
- non sentire (non devi arrabbiarti, non devi amare, non piangere, non avere paura);
- stai attento ...;
- non essere sano;
- non essere.


E' molto efficace tornare al bambino piccolo ferito con la tecnica della visualizzazione, per rivedere esperienze dolorose e liberare vecchie emozioni ancorate nel corpo, sostituendole con sensazioni positive e mettendo una nuova impronta nel subconscio, che non farà più differenza tra il vissuto reale e vissuto visualizzato .

  In questo modo si possono sostituire anche quei messaggi base che sono molto limitanti e che impediscono uno sviluppo armonioso dell'essere.

Solo assumendoci la piena responsabilità delle emozioni che si restimolano nella nostra vita possiamo trasformare i messaggi base interiorizzati, possiamo cioè modificare il nostro sistema di credenza, assunto in risposta alla relazione con le nostre figure primarie di riferimento, genitori, insegnanti, sacerdoti...ecc. e possiamo   sciogliere vecchi nodi ancestrali restimolati nelle situazioni più difficili della nostra vita. 

                                                                                               Tutti possiamo
tornare al nostro piccolo bambino per "sostituire" ciò che ci ha ferito e che ancora ci limita anche da adulti, recuperando quelle tappe indispensabili per la nostra reale crescita.
Possiamo farlo in questo corso nel quale ritorneremo alle singole fasi dell'infanzia, anche attraverso il lavoro energetico di riequilibrio di Chakra
Tutti possiamo
tornare alle nostre radici
per andare incontro alla vita
con gioia
rimanendo fedeli
al nostro sentire..


Tutti possiamo:

Sentire la fiducia originaria che nasce dal sentirsi amati e protetti
Andare incontro alla vita con gioia e curiosità
Provare entusiasmo, essere creativi e godere della nostra sessualità.
Sentirci autonomi e sicuri di noi stessi.
Sentire l'autostima nel nostro essere.
Sentirci "capaci" nelle nostre relazioni con gli altri.
Essere altruisti, sviluppare sentimenti di compassione e di amore.

Possiamo lavorare su di noi  attraverso sessioni individuali, possibili anche accompagnati a distanza, oppure iniziando a frequentare gli intensivi proposti dalla scuola di formazione in tecniche di  processo    integrazionetranspersonale.blogspot.com









  

Commenti

Post popolari in questo blog

Contatti

Il mio libro

Guarire nell'Amore